aversa

QUARTA TAPPA DEL TOUR ELETTORALE DI CAPUTO, UN IMPEGNO COSTANTE PER IL TERRITORIO

Confronto con i primi cittadini di Cesa, Sant’Arpino, Valle di Maddaloni, Arienzo, Aversa e Villa Literno

La quarta tappa del tour elettorale di Nicola Caputo, candidato al Senato della Repubblica nel collegio uninominale di Caserta, inizia dall’Agro Aversano.
Caputo, anche da europarlamentare, non ha mai trascurato il rapporto con il suo territorio, occupandosi delle emergenze occupazionali ed ambientali, e scegliendo Caserta e la Reggia come sede di importanti eventi come “Cultura a Corte” e “Gli Stati Generali dell’Agricoltura” con il Commissario europeo Phil Hogan.

In mattinata ha incontrato a Cesa il sindaco Enzo Guida e numerosi amministratori.
“La città ha una grande opportunità – spiega Nicola Caputo – quella di sviluppare dei percorsi enogastronomici con la costituzione di un Parco agricolo urbano che unisca la bellezza delle grotte di tufo e la bontà del vino Asprinio. Eccellenze del territorio e della tradizione enogastronomica da promuovere e valorizzare”.
Pochi chilometri e si arriva a Sant’Arpino, dove l’europarlamentare ha incontrato il sindaco Giuseppe dell’Aversana ed un gruppo di amici amministratori.
“Dobbiamo concentrarci sulla promozione culturale del territorio: le fabulae Atellanae ma anche la valorizzazione dei beni archeologici, attraverso la costituzione di un Polo archeologico. Progetti che vanno sostenuti – continua – per far diventare la città un riferimento culturale anche a livello nazionale”.

Subito dopo, a Valle di Maddaloni per incontrare il sindaco Francesco Buzzo.
“Questo paese ha tutte le carte in regola per far parte dei circuiti turistici regionali. L’obiettivo – precisa Caputo – è ideare un percorso che parta dai famosi Ponti dell’acquedotto Carolino e arrivi alla Chiesa dell’Annunziata, una meravigliosa struttura del 1500 di cui è stato già programmato il restauro”.
Nuova tappa ad Arienzo, comune ricco di siti d’interesse storico guidato da Davide Guida, sindaco giovane ed appassionato amministratore.
“Puntiamo al rilancio di questo meraviglioso patrimonio culturale – conclude Nicola Caputo – facendo rete con le altre eccellenze del territorio e programmando la partenza dei progetti di riqualificazione di Villa di Cocceio e della Chiesa dell’Annunziata”.

Ieri sera, invece, il viaggio di Caputo si è concluso a Villa Literno, con il primo cittadino Nicola Tamburrino ed alcuni membri della giunta – per condividere l’idea progettuale di un grande polo agroalimentare a sostegno delle produzioni agricole di qualità – e ad Aversa con il sindaco Enrico De Cristofaro per approfondire le iniziative da mettere in campo per valorizzare le attività culturali. Un vero e proprio asset di sviluppo per creare opportunità per le nuove generazioni.
Appuntamento alla prossima tappa: 43 comuni, 43 ragioni di impegno per il territorio e per i cittadini.

villa-literno

santarpino

valle-di-maddaloni

arienzo

cesa