Proposta di risoluzione del Parlamento europeo sulla terapia Car-T antitumorale

Il Parlamento europeo,

–  visto l’articolo 133 del suo regolamento,
A.  considerando che il primo farmaco Car per le terapie del linfoma diffuso a grandi cellule B negli adulti e per le terapie della leucemia linfatica di tipo acuto nei giovani e nei bambini ha ricevuto l’approvazione comunitaria;
B.  considerando che le agenzie del farmaco dei singoli paesi dovranno mediare il costo della terapia e individuare i centri nei quali questa potrà essere praticata, con un periodo di attesa potenzialmente molto lungo;
C.  considerando che per selezionare tali centri sarà necessario creare un set di requisiti e caratteristiche a cui i centri abilitati dovranno rispondere, e che nel periodo di attesa le case farmaceutiche produttrici somministrano il farmaco ad un numero ristretto di volontari;D.  considerando che i potenziali effetti collaterali della terapia possono essere anche gravi, e che risultano già allo studio farmaci capaci di eliminarli;
1.  invita la Commissione a creare un hub per la ricerca e la sperimentazione sulle terapie oncologiche cellulari assimilabili alla Car-T e sui farmaci capaci di eliminarne i potenziali effetti collaterali;
2.  invita la Commissione a introdurre dei centri abilitati alle somministrazioni pubbliche durante il periodo di negoziazione e a lavorare per imporre tempi certi relativamente al periodo di attesa tra l’approvazione del farmaco e la sua commercializzazione.

Scrivimi

Hai curiosità, domande o vuoi semplicemente scrivermi un messaggio, Non esitare, scrivimi!

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca