plenaria-strasburgo

LA PLENARIA IN PILLOLE 28-31 maggio 2018, Strasburgo

Principali temi all’ordine del giorno

Xavier Bettel discuterà il futuro dell’Europa con i deputati europei.
Il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel sarà il sesto leader dell’UE a discutere mercoledì mattina il futuro dell’Europa con i deputati europei e con il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Difesa commerciale: strumenti più efficaci per proteggere occupazione e industria.
L’Unione europea potrà combattere in modo più efficace il dumping sociale e ambientale grazie a una proposta di legge che sarà discussa e votata martedì in via definitiva.

Ripristinare la fiducia nel sistema di Schengen.
Proposte per instaurare nuovamente la fiducia reciproca tra gli Stati membri sul funzionamento dello spazio Schengen saranno discusse martedì e votate mercoledì.

Bilancio UE post-2020: i deputati reagiscono alla proposta della Commissione.
I deputati discuteranno e voteranno una risoluzione per esprimere il proprio parere sulla recente proposta della Commissione per il prossimo bilancio a lungo termine dell’UE (2021-2027).

Politica agricola comune: deputati si oppongono a tagli e “ri-nazionalizzazione”.
Le proposte per una nuova politica agricola più intelligente, semplice, sostenibile, ma allo stesso tempo ben finanziata e davvero “comune” saranno discusse lunedì e votate mercoledì.

Lavoratori distaccati: votazione finale su parità di retribuzione e condizioni di lavoro.
I lavoratori distaccati temporaneamente in un altro Paese dell’UE potranno d’ora in avanti godere dello stesso salario dei lavoratori di tale Paese, grazie alla proposta normativa che sarà approvata in via definitiva martedì.

Libia: i deputati spingono per elezioni entro la fine del 2018.
Nella risoluzione che sarà posta in votazione mercoledì a mezzogiorno, i deputati chiederanno all’Unione europea di sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite per organizzare le elezioni in Libia entro la fine del 2018.

Combattere l’uso abusivo dei contratti di lavoro a tempo determinato.

I deputati interrogheranno la Commissione europea giovedì sulle misure necessarie per combattere il lavoro precario e l’uso abusivo dei contratti di lavoro a tempo determinato nei settori pubblico e privato.