Nicola CAPUTO

LA COMMISSIONE AGRI APPROVA IL DOSSIER CAPUTO SUI GIOVANI AGRICOLTORI NELL’UE

Accesso al credito e alla terra, ricambio generazionale e formazione professionale, questi i punti principali del rapporto dell’eurodeputato Nicola Caputo approvato oggi a Bruxelles dalla Commissione AGRI

Bruxelles || “Il nostro obiettivo è quello dare un futuro di qualità all’agricoltura europea, favorendo il ricambio generazionale e sostenendo la nascita di nuove imprese nel settore. Per farlo, come sostengo nel dossier, dobbiamo garantire due elementi fondamentali: l’accesso al credito e alla terra, requisiti che fino ad oggi sono stati alla portata di pochi. – Lo ha dichiarato Nicola Caputo, parlamentare europeo del Pd, gruppo S&D e membro della Commissione agricoltura, a margine della riunione della Commissione AGRI in cui è stato approvato il dossier sull’attuazione degli strumenti della PAC a favore dei giovani agricoltori nell’UE – Oggi è per me una giornata davvero importante. – spiega l’eurodeputato Caputo – Dopo mesi di lavoro, confronto e ascolto, la Commissione Agri ha approvato il mio dossier sui Giovani Agricoltori”.
Le indicazioni contenute nel dossier hanno innanzitutto l’obiettivo di favorire l’ inserimento rapido e semplificato dei giovani nelle imprese, facilitando così il l’indispensabile ricambio generazionale
Ancora, nel documento viene proposto di aumentare il livello di finanziamento massimo oltre il 2% degli aiuti diretti della Pac destinati ai giovani agricoltori, favorendo il ricambio e l’accesso alla terra.
L’accesso alla terra è oggi il maggiore ostacolo per i giovani, considerato che appena il 6% del totale di quanti dirigono aziende agricole nell’Ue ha meno di 35 anni, mentre più del 50% ha superato i 55 anni. La proposta Caputo, propone misure che incentivano il trasferimento delle aziende alle generazioni più giovani, misure che non sono presenti nell’attuale PAC.
Inoltre, nel documento viene indicata una strada per migliorare l’accesso ai finanziamenti, per esempio attraverso tassi di interesse agevolati sui prestiti a favore dei nuovi imprenditori agricoli. Opportunità di sviluppare strumenti finanziari mirati a livello nazionale che sono disponibili mediante il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr).
Infine, si mette in evidenza la necessità di mettere a disposizione ulteriore formazione ai nuovi imprenditori agricoli e giovani agricoltori, in particolare nei settori della gestione aziendale e delle competenze finanziarie e misure di sostegno per approcci innovativi in termini di progetti modello per rendere più attraente il mondo agricolo alle nuove generazioni, anche attraverso tecnologie agricole digitali.
“L’appoggio dell’associazione europea dei giovani agricoltori (CEJA) a questi punti è il segno che abbiamo fatto un buon lavoro. – spiega ancora l’eurodeputato – Con l’approvazione di oggi diamo futuro all’agricoltura europea e italiana, diamo un futuro– conclude Nicola Caputo – alle ragazze e ai ragazzi che vogliono investire nell’agroalimentare”.
Il dossier Caputo sull’attuazione degli strumenti della PAC a favore dei giovani agricoltori nell’UE arriverà a Strasburgo nel mese di maggio per l’approvazione dell’assemblea Plenaria.
Le indicazioni contenute nel dossier costituiranno la base di una proposta legislativa che il Commissario Hogan dovrebbe mettere a punto nei prossimi mesi per tracciare le linee per il futuro della Pac post 2020.