conferenza-delle-nazioni-unite-sui-cambiamenti-climatici-in-programma-nel-2018-a-katowice

STRASBURGO: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SULLA “CONFERENZA DELLE NAZIONI UNITE SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN PROGRAMMA NEL 2018 A KATOWICE (POLONIA) (COP 24) – 14A RIUNIONE DELLA CONVENZIONE SULLA DIVERSITÀ BIOLOGICA (COP14)”

Strasburgo: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione sulla “conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in programma nel 2018 a Katowice (Polonia) (COP 24) – 14a riunione della convenzione sulla diversità biologica (COP14)”.
Tutela della biodiversità e lotta al cambiamento climatico sono tra le priorità delle politiche ambientali europee.
La maggior parte degli obiettivi del 2020, tuttavia, non verrà raggiunta e anche la mobilitazione finanziaria per il clima, di cento miliardi di dollari all’anno entro il 2020, procede a forte rilento.
Occorre sostenere l’istituzione di nuovi strumenti di finanziamento a favore della biodiversità e proporre strumenti di rendicontabilità rafforzata, in particolare per le strategie e i piani d’azione nazionali sulla biodiversità, al fine di migliorare la governance e facilitare l’attuazione degli obiettivi post 2020.

agenzia-dellue-per-la-cooperazione-giudiziaria-penale-eurojust

STRASBURGO: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SU “AGENZIA DELL’UE PER LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA PENALE (EUROJUST)”

Strasburgo: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione su “agenzia dell’ue per la cooperazione giudiziaria penale (eurojust)”.
Negli ultimi anni la criminalità organizzata transfrontaliera è aumentata in modo esponenziale per terrorismo, traffico di stupefacenti, criminalità informatica e pedopornografia. Queste forme di criminalità si esplicano in reati commessi da gruppi estremamente mobili e flessibili, che operano in molteplici giurisdizioni unionali e settori criminali.
È di tutta evidenza che un’azione di contrasto non può essere condotta efficacemente senza adeguati strumenti a livello internazionale. Va implementata sotto la guida di Europol la rete operativa per lo scambio di informazioni tra le forze dell’ordine per superare le difficoltà attuali.

discussione-con-il-primo-ministro-dellestonia-juri-ratas-sul-futuro-delleuropa

STRASBURGO: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SULLA “DISCUSSIONE CON IL PRIMO MINISTRO DELL’ESTONIA, JÜRI RATAS, SUL FUTURO DELL’EUROPA”

Strasburgo: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione sulla “discussione con il Primo ministro dell’Estonia, Jüri Ratas, sul futuro dell’Europa”.
Complimenti al Primo ministro estone per quanto sta facendo.
Tra poco più di 7 mesi i cittadini europei si recheranno alle urne per esprimere un giudizio sull’Europa, sarà un vero e proprio referendum e anche se il sogno europeo è l’unico orizzonte politico di lungo respiro, il vento della paura e dell’incertezza potrebbe condizionare l’esito delle elezioni.

livelli-di-prestazione-in-materia-di-emissioni-delle-autovetture-nuove-e-dei-veicoli-commerciali-leggeri-nuovi

STRASBURGO: CAPUTO (S&D), INTERVIENE SUI “LIVELLI DI PRESTAZIONE IN MATERIA DI EMISSIONI DELLE AUTOVETTURE NUOVE E DEI VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI NUOVI”

Strasburgo: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione sui “livelli di prestazione in materia di emissioni delle autovetture nuove e dei veicoli commerciali leggeri nuovi”.
Il settore dei trasporti è l’unico che continua a far registrare un aumento delle emissioni di gas a effetto serra. Secondo l’OMS, l’inquinamento atmosferico ogni anno uccide 7 milioni di persone e nel mondo 9 cittadini su 10 respirano aria con livelli altissimi di sostanze inquinanti.

valutazione-delle-tecnologie-sanitarie

STRASBURGO: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SU “VALUTAZIONE DELLE TECNOLOGIE SANITARIE”

Strasburgo: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione su “valutazione delle tecnologie sanitarie”.
Il regolamento sulla valutazione delle tecnologie sanitarie potrà determinare, a mio avviso, un importante passo in avanti nel settore sanitario europeo, migliorando la ricerca, la competitività e quindi la qualità dei medicinali in commercio.
Ad oggi, una percentuale molto elevata di nuovi farmaci immessi sul mercato non presenta un evidente miglioramento tecnologico rispetto ai medicinali già esistenti. La competizione gioca spesso più sul nome del farmaco che sulla sua composizione. Solo il 30% delle sperimentazioni cliniche approvate dall’Unione europea coinvolge più di mille pazienti e prevede un monitoraggio di oltre un anno, mentre sono sempre più frequenti le autorizzazioni precoci che sempre più spesso riguardano farmaci ritirati poi dal commercio. Abbiamo bisogno di un sistema permanente che garantisca il conseguimento degli obiettivi fissati rispettando al contempo il principio di sussidiarietà con una metodologia di valutazione comune.