Importazione di beni culturali

Oggi ho votato a favore della relazione in questione, che concerne il regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all’importazione di beni culturali.
L’obiettivo principale della proposta è quello di garantire un adeguato equilibrio tra l’obiettivo di contenere l’importazione illegale di beni culturali e la necessità di garantire che i controlli e gli obblighi supplementari proposti non costituiscano un onere indebito per gli operatori economici del mercato dell’arte che operano nella legalità e per le autorità doganali.

Tutela degli interessi finanziari dell’Unione – Recupero di denaro e beni da paesi terzi nei casi di frode

Oggi ho votato a favore della relazione in questione sulla tutela degli interessi finanziari dell’UE, ed in particolare sul recupero di denaro e beni da paesi terzi nei casi di frode.
A causa del costante problema dei finanziamenti UE perduti a causa di casi di frode, nei quali sono trasferiti fondi verso paesi terzi, si rende necessario evitare lo spostamento di fondi tramite intermediari finanziari operanti in giurisdizioni non trasparenti e non cooperative.

Pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare

Oggi ho votato a favore del mandato per l’inizio dei negoziati in trilogo sulla direttiva in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare.
Lo squilibrio di potere nella catena di approvvigionamento e le pratiche commerciali sleali dei supermercati hanno gravi conseguenze, poiché generano significative ripercussioni sociali e ambientali, o le amplificano, nella maggior parte dei paesi che producono prodotti agricoli e nei paesi poveri, fra cui il diniego di diritti umani fondamentali, la discriminazione di genere, l’impossibilità di percepire un reddito di sussistenza e lunghi orari di lavoro.

Autorizzazione e sorveglianza dei medicinali per uso umano e veterinario

Oggi ho votato a favore della proposta di regolamento che istituisce procedure comunitarie per l’autorizzazione e la sorveglianza dei medicinali per uso umano e veterinario.
Di particolare rilevanza è la separazione dell’autorizzazione all’immissione in commercio per i medicinali veterinari da quella per i medicinali per uso umano, in modo da tenere conto delle esigenze specifiche del settore veterinario.

Medicinali veterinari

Oggi ho votato a favore della relazione in questione, sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai medicinali veterinari.
Tra i molteplici punti di innovazione della relazione, rispetto alla proposta di regolamento della Commissione, vi sono la precisazione delle condizioni nelle quali i professionisti della salute animale sono autorizzati a prescrivere e a vendere antibiotici e il rafforzamento degli incentivi volti a sostenere l’innovazione, introducendo un periodo di protezione di cinque anni per certi nuovi studi o nuove prove effettuati successivamente all’autorizzazione.