relazione-annuale-2016-sulla-tutela-degli-interessi-finanziari-dellunione-europea

BRUXELLES: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SU “RELAZIONE ANNUALE 2016 SULLA TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL’UNIONE EUROPEA – LOTTA CONTRO LA FRODE”

Bruxelles: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione su “relazione annuale 2016 sulla tutela degli interessi finanziari dell’Unione europea – Lotta contro la frode”.
E’ certamente un risultato positivo che le irregolarità fraudolente e non fraudolente segnalate nel 2016 siano diminuite del 15 %. Tuttavia il persistente divario tra gli Stati membri in materia di segnalazioni effettuate porta a un’errata percezione dell’efficacia dei controlli. È in questo campo che la Commissione deve adoperarsi maggiormente per sostenere il livello e la qualità dei controlli e la condivisione delle migliori pratiche nella lotta alle frodi.
Abbiamo bisogno di un sistema uniforme di raccolta di dati comparabili al fine di uniformare il processo di segnalazione e di garantire la qualità e la comparabilità dei dati forniti, ma abbiamo anche bisogno di una cooperazione più efficace tra gli Stati membri, la Procura europea, l’OLAF ed Eurojust. Ad oggi, infatti, non tutti gli Stati membri hanno adottato strategie nazionali antifrode e il 50 % dei casi segnalati dall’OLAF vengono archiviati dalle autorità nazionali anche a causa di una mancata armonizzazione delle condizioni per l’ammissibilità delle prove fornite dall’OLAF.