decisione-adottata-sullo-stato-dellunione-dellenergia-2017

BRUXELLES: NICOLA CAPUTO (S&D), INTERVIENE SU “DECISIONE ADOTTATA SULLO STATO DELL’UNIONE DELL’ENERGIA 2017″

Bruxelles: Nicola Caputo (S&D), interviene in seduta plenaria nel corso della discussione su “decisione adottata sullo stato dell’Unione dell’energia 2017″.
L’Unione dell’energia è il progetto di punta della Commissione Juncker e forse dell’intera legislatura, eppure il rischio che non si compia pienamente è molto alto. Dalla terza relazione annuale sul tema emergono dati incoraggianti: l’Unione europea si sta trasformando in una società a basse emissioni di carbonio, con livelli record di energie rinnovabili, a costi in rapida diminuzione, ma l’infrastruttura energetica europea non si sta sviluppando nella stessa direzione e con la stessa velocità per supportare questa transizione energetica. L’Unione europea è chiamata a modernizzare un’infrastruttura energetica obsolescente, ad integrare pienamente i suoi mercati dell’energia e a garantire il coordinamento dei prezzi nazionali dell’energia. L’Unione dell’energia ha il duplice obiettivo di garantire la sicurezza energetica e lottare contro il cambiamento climatico, offrendo al contempo energia sicura e sostenibile a prezzi accessibili e nuovi posti di lavoro nel campo della green economy. Ogni comportamento individualista degli Stati membri ci allontana da questi scopi e costituisce un duro colpo alle ambizioni dell’Unione.