Immagine

CAPUTO A S. SEBASTIANO AL VESUVIO PER LE GIORNATE DELLA PREVENZIONE E DEL BENESSERE – SERVIZIO DELLA TV 8NEWS

L’europarlamentare Nicola Caputo a San Sebastiano al Vesuvio per la terza edizione delle Giornate della Prevenzione e del Benessere, con docenti Universitari e specialisti nelle diverse discipline per per affrontare e divulgare la conoscenza di diverse patologie. – Servizio dell’emittente televisiva 8News

15977892_1327611467259525_3750373163350750748_n

RESISTENZA ANTIBIOTICI, LA COMMISSIONE EUROPEA ANNUNCIA PIANO D’AZIONE IN RISPOSTA AD UNA INTERROGAZIONE DI NICOLA CAPUTO

La Commissione Europea, rispondendo ad una mia interrogazione sul problema della resistenza ai farmaci antimicrobici. comunica che, nel 2017, varerà un nuovo piano d’azione sulla resistenza agli antibiotici.
Bene!
Ma non bisogna abbassare la guardia!
Continuerò a sollecitare soluzioni e attenzione per arginare un problema che sta diventando endemico in Italia e in Europa.

CAPUTO, Nicola (S&D, IT)

RESISTENZA ANTIBIOTICI, LA COMMISSIONE EUROPEA ANNUNCIA PIANO D’AZIONE IN RISPOSTA AD UNA INTERROGAZIONE DELL’EURODEPUTATO CAPUTO

Bruxelles – “La Commissione europea ha annunciato, in risposta ad una mia interrogazione, che preparerà nel 2017 un nuovo piano d’azione sulla resistenza agli antimicrobici visto che le strategie messe in campo fino a questo momento non hanno dato esiti positivi. Utili, dunque, le nostre sollecitazioni volte ad arginare la dilagante epidemia della resistenza agli antibiotici. – Lo ha reso noto Nicola Caputo Parlamentare europeo del PD – gruppo S&D e membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare – La causa principale, la somministrazione impropria dei farmaci, ha fatto registrare dati preoccupanti specialmente in Italia e in Germania: + 79% tra il 2000 e il 2010. – spiega l’europarlamentare – A questo fenomeno corrisponde la contrazione della ricerca nel campo: nel 1990 erano 18 le grandi case farmaceutiche impegnate in questo settore, nel 2010 soltanto 4. Difatti, i nuovi antibiotici sono stati 16 nel quinquennio 1983-1987, 10 tra il 1993 e il 1997 e 5 tra il 2003 e il 2007. E’ necessario – insiste Caputo – allocare maggiori risorse finanziarie agli enti pubblici di ricerca nel campo della biologia strutturale, della biochimica e della biologia molecolare, per l’individuazione e lo sviluppo di ulteriori nuove molecole. Ma è necessario prima di ogni cosa – conclude Caputo – responsabilizzare il cittadino sull’uso degli antibiotici”.