Stato di avanzamento dell’Agenda di Doha per lo sviluppo in vista della 10ª conferenza ministeriale dell’OMC

Stato di avanzamento dell’Agenda di Doha per lo sviluppo in vista della 10ª conferenza ministeriale dell’OMC (B8-1230/2015 )
Nicola Caputo (S&D), per iscritto. ‒ Oggi ho votato a favore della proposta di risoluzione sullo stato di avanzamento dell’Agenda di Doha per lo sviluppo in vista della 10ª conferenza ministeriale dell’OMC.
Il ciclo di Doha è stato avviato nel 2001 con l’obiettivo di creare nuove opportunità commerciali basate su un sistema multilaterale composto da regole più giuste ed eque capace di sviluppare un commercio equo e libero al servizio dello sviluppo economico di tutti i continenti.
Ritengo che l’Unione europea debba continuare a credere nell’agenda di Doha per lo sviluppo e lavorare per raggiungere un accordo politico che consenta di farla progredire, per assicurare che le funzioni negoziali dell’OMC rimangano al centro dell’ulteriore liberalizzazione degli scambi a livello mondiale. Anche la risoluzione ha sottolineato l’importanza di arrivare ad una rapida conclusione del ciclo di Doha, ponendo l’accento sul valore del multilateralismo e sugli scambi basati su un commercio libero ed equo a beneficio di tutti, che ponga lo sviluppo al centro del processo, ed è per questo motivo che ho deciso di votare a suo favore.

Parlamento Europeo

Adesione dell’Ecuador all’accordo commerciale tra l’UE e la Colombia e il Perù

Adesione dell’Ecuador all’accordo commerciale tra l’UE e la Colombia e il Perù (B8-1241/2015 )
Nicola Caputo (S&D), per iscritto. ‒ Oggi ho votato a favore della proposta di risoluzione del Parlamento europeo sull’adesione dell’Ecuador all’accordo commerciale concluso tra l’UE e i suoi Stati membri e la Colombia e il Perù.
Ritengo sia molto importante stringere alleanze sempre più solide con Paesi e regioni in rapida crescita, contraddistinte da una mentalità aperta e con ottime prospettive di espansione economica. L’Equador è una di queste realtà, avendo investito negli ultimi anni oltre 40 miliardi di dollari USA nel settore sociale, per migliorare l’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e alla sicurezza sociale anche per i gruppi più deboli della popolazione.
La proposta presentata oggi comporterà benefici importanti per le esportazioni dell’Ecuador verso l’UE, garantendo l’incremento e la diversificazione degli scambi e degli investimenti per entrambe le parti. Per questi motivi ho deciso di votare per il suo accoglimento.

Parlamento Europeo

Strategia in materia di benessere degli animali per il periodo 2016-2020

Strategia in materia di benessere degli animali per il periodo 2016-2020 (B8-1278/2015 , B8-1278/2015 , B8-1279/2015 , B8-1280/2015 , B8-1281/2015 , B8-1282/2015 , B8-1283/2015 )
Nicola Caputo (S&D), per iscritto. ‒ Oggi ho votato a favore della proposta di risoluzione sulla strategia in materia di benessere degli animali per il periodo 2016-2020.
Il raggiungimento di un elevato livello di benessere degli animali è un elemento imprescindibile per proteggere la loro salute e garantirne la produttività. Allo stesso tempo, il benessere degli animali è un elemento che interessa molto i cittadini europei, i quali desiderano poter compiere scelte più informate in quanto consumatori.
Con la risoluzione che abbiamo approvato, abbiamo invitato la Commissione ad attuare senza indugio i punti ancora in sospeso della strategia dell’Unione europea per la protezione e il benessere degli animali 2012-2015 e di elaborare una nuova e ambiziosa per il periodo 2016-2020, capace di assicurare continuità alla precedente strategia.
Inoltre, abbiamo sottolineato l’importanza di migliorare l’applicazione e il rispetto della legislazione in vigore e abbiamo chiesto alla Commissione di includere la reciprocità delle norme in materia di benessere degli animali, quale preoccupazione di natura extracommerciale, nella sua politica commerciale e nei negoziati relativi ad accordi commerciali internazionali.
Considerando tutti questi punti, ho votato a favore della risoluzione.

Parlamento Europeo

Istruzione dei minori nelle situazioni di emergenza e nelle crisi prolungate

Istruzione dei minori nelle situazioni di emergenza e nelle crisi prolungate (B8-1240/2015 )
Nicola Caputo (S&D), per iscritto. ‒ Oggi ho votato a favore sulla Proposta di risoluzione, “Istruzione dei minori nelle situazioni di emergenza e nelle crisi prolungate” perché 62 milioni di bambini nel mondo vivono in aree colpite da conflitti armati, sono minori in età da scuola primaria e secondaria inferiore che la scuola non la frequentano perché vivono in luoghi colpiti da crisi prolungate.
Per tutti i minori che nel mondo vivono in aree di crisi, lo studio rappresenta non solo un diversivo per il presente, ma anche un’opportunità per il futuro. Per questo, la comunità internazionale e l’Unione europea hanno il dovere di adottare misure concrete per garantire, un avvenire a questi bambini. L’istruzione in situazioni di emergenza è il settore che riceve i finanziamenti più insufficienti, con appena il due per cento degli aiuti umanitari. Purtroppo si i fa ancora troppo poco.

Parlamento Europeo

Verso la semplificazione della politica di coesione per il periodo 2014-2020 e il suo orientamento ai risultati

Verso la semplificazione della politica di coesione per il periodo 2014-2020 e il suo orientamento ai risultati (B8-1231/2015 )
Nicola Caputo (S&D), per iscritto. ‒ Oggi ho votato a favore della proposta di risoluzione del Parlamento europeo sul tema “Verso la semplificazione della politica di coesione per il periodo 2014-2020 e il suo orientamento ai risultati”.
Le istituzioni dell’Unione hanno compiuto notevoli passi in avanti verso la semplificazione delle procedure di accesso ai Fondi strutturali e d’investimento europei. Malgrado i miglioramenti compiti, restano però ancora molte le procedure da snellire per evitare che l’impatto degli investimenti promossi dai fondi dell’Unione venga limitato limitato da una eccessiva regolamentazione.
La proposta in esame invita la Commissione ad introdurre orientamenti dettagliati sulla semplificazione per eliminare o ridurre significativamente gli oneri amministrativi previsti dalle legislazioni locali e per questo ho votato per il suo accoglimento.

Parlamento Europeo